CINA: avvocati chiedono di abolire la “rieducazione”. Ed i post comunisti all’italiana evitano il Dalai Lama.

Un gruppo di sessantanove avvocati ed esperti di legge cinesi ha chiesto l’abolizione del sistema di «detenzione per la rieducazione», che permette alla polizia di tenere un cittadino detenuto per tre anni senza che il caso venga portato davanti alla magistratura. In una lettera all’Assemblea Nazionale del Popolo (il Parlamento) i firmatari ricordano che il sistema è totalmente arbitrario, basato … Continua a leggere