NAPOLI MIA

NAPOLI mia ,

principessa del mare

distesa e innamorata

del tuo stesso guardare

che l’ombra del vesuvio

 ti fa assopire

fosti creata

di bellezza

che fa annichilire .

Fosti sovrana

tra tanti inganni

fosti felice

seppur con i tuoi affanni .

fresca, risoluta,

città immacolata

che di bellezza e sogni

fosti sempre invidiata .

Terra di luci, palpiti

E canzoni

Terra di briganti

Che non furon mascalzoni !

Ora il tuo sangue scorre a fiotti

Per appagar la fame dei corrotti!

Scorre di sangue

lunga questa scia ,

e infanga e inonda

ogni strada , ogni via ,

ma il tuo dolore,

dolore disperato,

urla ed arranca,

 offeso, assetato,

 non di vendetta

o di un gesto di viltà,

il tempo avanza

e la tua sorte

cambierà.

Uomini e donne

son tanti,milioni,

e riscattarsi voglion

da offese e umiliazioni

cantano tutti ,

cantano in coro.

Ballano e danzano

con tono beffardo

contro oppressioni

fan baluardo !

terra di briganti

poeti ,cantanti,

e di spagnoli

che furono grandi ,

terra di sole,

pazienza e rassegnazione

che alza la testa

e si ribella al padrone

Vittoria Mariani

Napoli 20/01/2009

 

NAPOLI MIAultima modifica: 2009-01-21T11:55:00+01:00da insorgenza
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento