DUOPOLIO : UNA JATTURA PER L’ITALIA

Può apparire una posizione sospetta o superficiale quella di considerare la riduzione a 2 soggetti politici dell’intero universo partitico, e lo sarebbe in molti altri Paesi, ma non nel nostro.

Una legge elettorale medievale, intrisa di arrogante disprezzo per i più elementari principi democratici, in palese contraddizione con lo spirito della nostra Costituzione, è già, di per se, un determinante elemento ostativo ad una qualunque forma di bipolarismo.

Entrando, poi, nel merito e valutando la qualità delle due formazioni che dovrebbero gestire il destino della nostra Nazione, è facile constatare che si tratta di 2 contenitori vuoti, vuoti di tradizione, di omogeneità, di democrazia.

Val la pena ricordare che il PdL è composto da Partiti il maggiore dei quali, Forza Italia, non ha mai celebrato congressi ma si è sempre strutturato con designazioni del “Vertice”, e da altri Partiti, AN ecc., in cui vi è tale insofferenza da averli costretti a perdere pezzi consistenti.

Per il PD, l’analisi è più semplice, è una coabitazione forzata tra un Partito ben radicato e strutturato, il DS, ed una microcoalizione con molte anime, La Margherita , già molto “dialettica” al suo interno.

Ecco perché sarebbe una jattura la realizzazione del progetto Veltroni-Berlusconi, il gioco delle parti per soggiogare il nostro futuro, le nostre coscienze.

Emiddio Altamura – CIVILTA’  MEDITERRANEA

www.cm-italia.eu

DUOPOLIO : UNA JATTURA PER L’ITALIAultima modifica: 2008-04-12T18:34:53+02:00da insorgenza
Reposta per primo quest’articolo