Amara considerazione

il mondo politico napoletano e’ fatto di uomini piccoli, meschini, assetati di potere e di poltrone che si accompagnano sempre con gente di basso profilo ,che non pensa con la propria testa , ma esegue sempre ordini che vengono dall’alto , gente ridicola che parla per bocca altrui emula gli abbigliamenti altrui e persino quando sogna, caso mai è in grado di sognare , sogna con i sogni altrui !
Questo è il vero fallimento della politica a Napoli !   Si affannano tutti a far notizia sui giornali , e come seguito hanno solo se stessi ed i loro lacchè ! Li trovi sempre dietro le loro scrivanie con un cellulare incollato all’orecchio, amano presenziare ogni che , biascicando un linguaggio incomprensibile ,fatto di stereotipi , che non esprime alcun concetto . Sono vuoti dentro di un vuoto pneumatico ,e se li guardi bene ti accorgi che sono tutti uguali come carte stampate .Dicono tutto e il contrario di tutto , promettono certo e vengono meno sicuro , come vampiri sfruttano le intelligenze e le idee altrui per trarne vantaggi personali, ti accorgi quanto desiderano incontrarti solo in campagna elettorale , il resto del tempo si fanno negare a telefono o si rendono irrintracciabili .
Intanto in questi lunghi anni di sofferenza, del popolo napoletano , hanno provveduto solo a sperperare per il loro spasmodico bisogno di apparire ! Apparire sempre ben vestiti  con le migliori firme (mentre prima di entrare in poltica avevano le pezze al sedere ) sempre in auto lussuose ,mentre prima a stento potevano permettersi un utilitaria di seconda mano , mostrare con orgoglio le loro sfarzose abitazioni , magari sottratte per pochi soldi ai cittadini caduti in disgrazia , apparire solcando il mare della nostra bella Napoli su barche di grosso calibro , mentre prima potevano permettersi al massimo mappatella beach .
Oggi che hanno creato una catastrofe eco ambientale di spropositate dimensioni , sembrano tutti smarriti alla ricerca delle colpe , non li sentirai mai dire :” ho sbagliato , forse ho esagerato” li sentirai ancora una volta profferire parole insidiose volte a criminalizzare il popolo napoletano di scarso senso civico , di scarso rispetto per la propria città , di aver prodotto troppa monnezza ,magari aggiungendo , grazie al benessere che la classe politica locale ci ha dato.
Per uno strano segno del destino , o forse per un disegno DIVINO , la storia si ripete e, come ai tempi di TACITO ( I SEC D.C.) partoriscono dai meandri delle loro menti malate e volte al male , continue leggi e divieti per taglieggiare i cittadini : ” domeniche ecologiche , ganasce a chi parcheggia , gest line, feste di piazza con compagnie fantasma , tutto studiato con pragmatica e sottile cattiveria per renderci la vita impossibile quotidianamente ,QUASI COME SE DOVESSIMO CHIEDERE LORO SCUSA PER ESSERE NATI , PER NON CEDERGLI I NOSTRI STIPENDI INTEGRALMENTE , PER ESSERCI RIBELLATI OGNI TANTO QUANDO IL PESO DELLE LORO TASSE ,DEL LORO MALCOSTUME ,DELLA LORO MONNEZZA , ERA DIVENTATO VERAMENTE TROPPO GRAVOSO PER ESSERE TOLLERATO.
La città dei sogni , della musica ,della tradizione millenaria , il regno del sole e del mare ,oggi non è altro che una stella oscurata, opacizzata da inquinamento ambientale e umano , da zozzura e protervia politica , ma Napoli, la nostra Napoli , stavolta ha abbandonato la rassegnazione e scende in piazza non più con i padrini dei partiti politici sempre uguali e sempre con le stesse facce , ma con la gente perbene , quella vera quella che ha ancora un cuore in petto e si organizza con associazioni di cultura , di valori e di gioia di vivere perchè ha bisogno di RIPRENDERSI IL DIRITTO DI VIVERE FELICI NELLA PROPRIA CITTA’ E DI ABBANDONARE LA TEORIA DELLA SOLITUDINE CHE PER TROPPI ANNI HA FATTO IN MODO CHE I POLITICI MASCALZONI , isolassero le persone per bene tra di loro facendole rifluire nel privato ,PER POTER COSI’ MEGLIO AGIRE INDISTURBATI
VITTORIA MARIANI
Amara considerazioneultima modifica: 2008-01-11T13:33:58+01:00da insorgenza
Reposta per primo quest’articolo

12 pensieri su “Amara considerazione

  1. per alcuni la politica è l’arte del possibile. per altri, con i quali coltiviamo maggiore affinità, politica è poesia dell’inosabile!
    per la cosca politico mafiosa campana la politica è semplicemente rapina perpetrata in danno del popolo con mezzi deivesi da quelli contemplati nel codice penale.
    Ti saluto insorgentemente
    carmine

  2. per alcuni la politica è l’arte del possibile. per altri, con i quali coltiviamo maggiore affinità, politica è poesia dell’inosabile!
    per la cosca politico mafiosa campana la politica è semplicemente rapina perpetrata in danno del popolo con mezzi diversi da quelli contemplati nel codice penale.
    Ti saluto insorgentemente
    carmine ippolito

  3. E’ giunto il momento di non concedere più alla “monnezza” partitocratica, l’alibi della fuga della parte sana della società civile, nauseata dal puzzo nauseabondo col quale, per decenni, questi professionisti della politica hanno ammorbato l’aria di chi cercava di fare sul serio illudendosi che lo scopo fosse quello di realizzare il bene comune. Mentre i loro amici mandano l’esercito a raccogliere l’immondizia, noi diamoci da fare per radunare l’esercito di chi non sopporta più lo stato delle cose e provvediamo alla raccolta indifferenziata, allo sversamento ed al “trattamento” definitivo dell’immondizia politica. Insorgere per vivere!

  4. Chi avesse ancora dei dubbi sul fatto che il SUD non fosse in guerra, con l’arrivo di un generale dell’esercito per risolvere il problema dell’immondizia, oggi si deve togliere tutti i dubbi.

    Non ci sono altre strade, Insorgere

  5. La politica non è malata,a Napoli la politica non esiste.
    La società civile non è malata,la società civile a Napoli non esiste.
    In questa città da molti anni esiste solo un comitato di affari che ha stretto un patto scellerato per depredare la cosa pubblica e gli ignari cittadini,che sopravvivono e non vivono.
    Dove sono gli intellettuali sempre pronti a firmare manifesti o a sponsorizzare il compagno radical di turno?
    Emily,Napoli 99,Palazzo Marigliano,Mirella Barracco,quanti silenzi assordanti.
    Forse sono emigrati,stanno cominciando a sentire puzza di bruciato?
    Un dato di fatto è certo il sistema politico-cammorristico istauratosi con l’ascesa di Bassolino,e consolidatosi con il complice ed irresponsabile comportamento delle opposizioni è al tramonto,la cappa che soffoca questa città sta per squarciarsi,tocca a noi adesso saper cogliere l’opportunità di trasformare in positivo il disastro che ereditiamo.
    Per fare ciò,cari amici,non incorriamo nell’errore di buttare via con l’acqua sporca anche il bambino,attenti ai qualunquismi,ai profeti improvvisati agli eroi dell’ultimo istante.La politica non è autocelebrazione.
    Serriamo i ranghi chiamando a raccolta tutti quelli che hanno dedicato la loro vita ,la loro passione alla politica intesa come affermazione di una fede e speranza di un futuro,chiamiamo a raccolta gli uomini di buona volontà,costruiremo assieme una formidabile elite avanguardia di un Popolo,che abbatterà la casta e darà a Napoli e al nostro amato sud,onore e dignità.
    Giovanni Papa

  6. …..”la politica e morta”…. sono daccordo, ma dovrebbero morire pure i politici dei partiti napoletani responsabili di tutto. Non c’è storia, i partitti sono TUTTI la causa del male.

    SONO LORO IL MALE ASSOLUTO

  7. Non è possibile che la più nobile città italiana per cultura, storia, tradizioni e bellezze paesaggistiche venga deturpata fino a questo punto. Una classe dirigente scellerata che anzichè averla a cuore la calpesta quotidianamente, vittima della propria ignoranza e corruzione. Ed è assurdo che dopo l’ennesimo scempio a questa città non ci siano dimissioni ma si provveda ad affidare ad un commissario esterno l’ennesima risoluzione ai problemi. In tal senso non resta che l’aumentare di confusioni e sfiducia. Non si capisce come sia stato possibile che tutto sia accaduto per tanti anni in maniera pressocchè inosservata da parte della giustizia, chi doveva vigilare dov’era? perchè non l’ha fatto?…tutto è al limite del paradosso. Sono state chiuse discariche con promesse di bonifica…ed ora invece si cerca di riaprirle per fronteggiare l’emergenza, indipendentemente dalle condizioni ambientali in cui si trovano, siano riserve, geologicamente inadatte, contenenti biogas in esalazione ecc….il tutto per l’ennesima volta a discapito dei cittadini. Ma ciò che è più squallido è che si sfrutta la situazione per far valere quella o questa classe politica, come se ce ne fosse una sana e non inquinata. Solo una persona avrebbe fatto chiarezza e presto su tutto. Ma quella persona non c’è più. Giovanni Falcone, con la sua morte è morta la giustizia italiana. Una malavita invischiata con la classe politica ( o viceversa ) chi potrà mai combatterla?….qualcuno mi risponda. vi prego.
    E’ giunto il momento che i cittadini tutti aprano gli occhi. ci vorrebbero 3000000 presidi comq quelli di pianura, non solo davanti a discariche ” folli” ma davanti a municipi, comuni…che urlassero, insorgessero affinchè questo scempio sia manifesto a tutti. E IN ATTO UN CRIMINE CONTRO L’UMANITA’.
    E’ GIUNTO IL MOMENTO DI SVEGLIARSI.
    SPERO CHE LA DIGNITA’ DEI CITTADINI SIA ANCORA TALE DA RIPRENDERSI CON LA FORZA UNA CITTA’ MARTORIATA.

    ( ma davanti a questa strage ambientale che si sta compiendo il caro onorevole Caruso tanto presente allora in Val di Susa alla guida dei suoi disobbedienti…adesso dov’è??? Causa forse l’amministrazione campana di centro sinista? sarebbe paradossale no?..e intanto qui….TUTTI UGUALI. TUTTI. )

  8. Immezzo a questo sfacelo , viene voglia di gridare , ma non è sufficiente, di piangere ma non serve a nulla, allora che si fà ?
    Facciamo perno su tutta l’ironia , caratteristica che ci rende speciali ed ogni volta che incontriamo un politico che ha governato Napoli negli ultimi 20 anni ( TUTTI ,NESSUNO ESCLUSO) METTIAMO AL SICURO I NOSTRI PORTAFOGLI E CERCHIAMO AIUTO GRIDANDO : ” ai ladri, ai ladri !!!!”

  9. Noto con notevole disappunto , che c’è ancora qualcuno ,che osa dire che a Napoli c’è ancora qualche politico che si discosta dal mucchio !!!!!!!! MA ,CERCHIAMO DI NON ESSERE RIDICOLI !!!!!!!!! UN VECCHIO RITORNELLO DEGLI ANNI 70 DICEVA :” BEATO CHI CI CREDE, NOI NO NON CI CREDIAMO ….” Se si vedono sempre le solite vecchie facce !Nuove di fuori e vecchie di dentro ! Spunteranno pure nuovi partiti , ma glie sponenti che li dirigono sono sempre le stesse vecchie cariatidi nell’animo e talvolta anche nel corpo !!!!!
    Fate attenzione Napoletani , stanno tentando di imbrogliarvi con le solite lusinghe ed i soliti squallidi piagnistei, talvolta con dichiarazioni di fermezza ideologica (che nelle loro mani diventa il paravento per gli imbecilli) talaltra con ricatti morali del tipo :” chi abbandona ha torto .” Ma quale torto, ma quale lotta !!!!! Forse la lotta che i cittadini devono fare per farvi raggiungere le agognate POLTRONE ? Perchè altrimenti avreste problemi a collocarvi nella società del lavoro e nella società civile ? Napoletani non accettate lezioni di stile dai vecchi e brutti tromboni della politica napoletana ,altrimenti correte il rischio di infettarvi del loro stesso male : la peste della corruttela , il colera del clientelismo alias do ut des , l’epidemia del conformismo becero dei cervelli pieni di acqua sporca . AD maiora

  10. Il coraggio di cambiare … Una tempesta terribile si abbatté sul mare.Lame affilate di vento gelido trafiggevano l’acqua e la sollevavano in ondate gigantesche che si abbattevano sulla spiaggia come colpi di maglio,o come vomeri d’acciaio aravano il fondo marino scaraventando le piccole bestiole del fondo,i crostacei e i piccoli molluschi, a decine di metri dal bordo del mare.Quando la tempesta passò, rapida come era arrivata, l’acqua si placò e si ritirò.Ora la spiaggia era una distesa di fango in cui si contorcevano migliaia di stelle marine.Erano tante che la spiaggia sembrava colorata di rosa. Il fenomeno richiamò molta gente da tutte le parti della costa.Arrivarono anche delle troupe televisive per filmare lo strano fenomeno.Le stelle marine erano quasi immobili.Stavano morendo.Tra la gente, tenuto per mano dal papà,c’era anche un bambino che fissava con gli occhi pieni di tristezza le piccole stelle di mare.Tutti stavano a guardare e nessuno faceva niente.All’improvviso il bambino lasciò la mano del papà, si tolse le scarpe e le calze e corse sulla spiaggia.Si chinò, raccolse con le piccole mani tre piccole stelle di mare e, sempre correndo, le portò nell’acqua.Poi tornò indietro e ripeté l’operazione.Dalla balaustrata di cemento, un uomo lo chiamò.”Ma che fai ragazzino?””Ributto in mare le stelle marine. Altrimenti muoiono tutte sulla spiaggia” rispose il bambino senza smettere di correre.”Ma ci sono migliaia di stelle marine su questa spiaggia: non puoi certo salvarle tutte. Sono troppe!” gridò l’uomo.”E questo succede su centinaia di altre spiagge lungo la costa! Non puoi cambiare le cose!”.Il bambino sorrise, si chinò a raccogliere un’altra stella di mare e gettandola in acqua rispose:”Ho cambiato le cose per questa qui!”.L’uomo rimase un attimo in silenzio, poi si chinò, si tolse le scarpe e le calze e scese in spiaggia.Cominciò a raccogliere stelle marine e a buttarle in acqua.Un istante dopo scesero due ragazze ed erano in quattro a buttare stelle marine in acqua.Qualche minuto dopo erano in cinquanta, poi cento, duecento, migliaia di persone che buttavano stelle di mare nell’acqua.Così furono salvate tutte. Per cambiare le cose basterebbe che qualcuno, anche con i suoi limiti e nel suo piccolo, avesse il coraggio di incominciare.

I commenti sono chiusi.