25/10/2007 – EMIGRAZIONE INTERNA

Ogni anno sono 70.000 , in stragrande maggioranza giovani, le persone che dal sud-Italia si trasferiscono nel nod-Italia per sfuggire alla disoccupazione. Ma gli stipendi non bastano a coprire tutte le spese di permanenza e la voce più assorbente delle loro risorse economiche è il costo del canone di affitto dell’abitazione.

Quasi in tutti i casi si rende indispensabile, per la sopravvivenza, una integrazione economica da parte della famiglia che, così, continua a sopportare un onere talvolta stremante.

Visto che si attua una politica di solidarietà avanzata nei confronti degli stranieri che entrano in Italia a vario titolo ed in vari modi, non diventa moralmente doveroso per gli Enti Locali settentrionali costruire delle abitazioni da dare, con canone ridotto, in assegnazione temporanea (2-3 anni), agli “emigranti interni” per dargli la possibilità di avere il tempo di trovare una sistemazione adeguata ai loro bisogni ed alle loro possibilità ? 

           Emiddio Altamura

CIVILTA’  MEDITERRANEA

           www.cm-italia.eu

25/10/2007 – EMIGRAZIONE INTERNAultima modifica: 2007-11-03T10:51:15+01:00da insorgenza
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “25/10/2007 – EMIGRAZIONE INTERNA

  1. la questione della poderosa emigrazione della gioventù meridionale è da tutti sottaciuta e sottovalutata. Gli effetti, in termini di depauperamento, oltre che economico, anche civile delle regioni del sud d’Italia sono incalcolabili.
    Credo che bisogna agire per contenere contenere l’abbandono delle città meridionali da parte di chi è motivato da aspirazioni, civili ed individuali, più dignitose. Credo sia utile invocare una fiscalità di vantaggio nel Meridione a partire dai canoni di locazione. L’abbattimento dell’imposizione fiscale su tale forma di rendita immobiliare determinerebbe la riduzione dei prezzi degli affitti, la conseguente sensibile riduzione del costo della vita e la sottrazione dei giovani alla stretta usuraria dei mutui bancari per l’acquisto delle abitazioni.

I commenti sono chiusi.