STANNO PER OSCURARE INTERNET

Vogliono mettere un bavaglio alla libera informazione sul web, giustamente a che serve spendere tanto per controllare giornali e televisioni se poi in internet circola la libera informazione e i cittadini possono confrontarsi senza il filtro dei tradizionali mass-media( mezzi di controllo di massa), quindi il 12 ottobre il governo ha approvato e spedito per l’esame del parlamento il testo che vuole regolamentare il mondo editoriale ed internet.  La legge prevede che ogni pagina web o blog dovrà essere registrata al ROC (Registro degli Operatori di Sicurezza) un iscrizione che impone procedure e burocrazia ma aumentano anche le responsabilità penali di quelli che hanno un sito web ed ancora se i siti web vengono classificati come mezzo di informazione al pari della stampa rientreranno automaticamente nelle norme penali sulla stampa e quindi dovranno dotarsi di una società editrice e di un giornalista nel ruolo di direttore responsabile.

 

In questo link c’è il ddl per intero 

http://www.governo.it/Presidenza/DIE/doc/DDL_editoria_030807.pdf.

In questo link invece c’è un articolo che analizza le parti salienti del ddl:

 

http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2092327

Ribelliamoci, non facciamo oscurare internet, non facciamo bloccare il libero confronto dei blog, insorgiamo.

 

Turizio Michele

www.insorgenza.it

STANNO PER OSCURARE INTERNETultima modifica: 2007-10-20T00:19:13+02:00da insorgenza
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “STANNO PER OSCURARE INTERNET

  1. E’ UN ULTERIORE GIRO DI VITE DEL REGIME DELLE CASTA CHE, PER NASCONDERE LE DEVASTANTI CONSEGUENZE DEI SUOI SCELLERATI COMPORTAMENTI , IMPONE IL NASTRO ADESIVO SULLA BOCCA DEI CITTADINI, IN QUESTO DISEGNO, AIUTATA DAL FATALISMO DI COMODO DELL’ELETTORE (AHIME’, QUESTA E’ LA POLITICA … IMPOSSIBILE CAMBIARE…) SENZA CAPIRE CHE, INVECE, E’ POSSIBILE INSORGERE !!!

  2. Apprendiamo con tristezza la scomparsa del padre di Michele , militante dell’insorgenza e web-master del sito.

    Ci uniamo col più sincero cordoglio al suo dolore e della sua famiglia.

I commenti sono chiusi.